Scarpe buone (e un taccuino d’appunti)

Lettura di un minuto
Inizia


“Scarpe buone (e un taccuino d’appunti)” è una citazione dai diari di viaggio di Anton Čhechov in cui il grande scrittore russo suggerisce agli aspiranti scrittori cosa serva per fare un buon reportage.

Oltre che per fare un buon reportage, scarpe buone sono fondamentali anche alle centinaia di persone che ogni anno tentano di oltrepassare il confine con la Francia dai passi alpini del Monginevro se non vogliono rischiare di morire per congelamento o di perdere l’uso degli arti com’è già capitato ad alcuni di loro.
E un taccuino d’appunti servirebbe a noi per prendere nota di quanto succede su quei confini sia in termini di solidarietà spontanea da parte degli abitanti di quelle valli, sia in termini di “caccia al ladro” da parte dei gendarmi francesi che controllano sentieri e piste da sci.
Touki Bouki partecipa a una campagna per raccogliere scarpe usate, ma in buone condizioni, e indumenti pesanti necessari ai migranti per tentare di varcare quel confine. Chi volesse partecipare alla raccolta legga con attenzione l’elenco qui sotto e i contatti a cui scrivere.

Touki Bouki

Articolo scelto dalla redazione.

Lascia un commento

Your email address will not be published.

Da non perdere

Sempre dritto

Una storia di lavoro e di amicizia

Amica e collega

Hakeem Omotoyosi nel ricordo di Patrizia Salmi.

Per Hakeem

Con queste parole i maestri della Scuola Frisoun hanno ricordato

Un anno di Touki Bouki

Questo articolo è apparso il 20 febbraio scorso su "Altreconomia"

Definizioni senza confini

Un libro scritto a più mani che offre uno sguardo